Tamponi 2 – Federfarma: “Impegno farmacie prosegue con grande spirito di servizio”

Tamponi 2 – Federfarma: “Impegno farmacie prosegue con grande spirito di servizio”

Roma, 22 dicembre – Le farmacie stanno affrontando, con lo spirito di servizio che per natura le contraddistingue, il costante aumento della richiesta di tamponi antigenici. Ad affermarlo, in un Visualizza immagine di originecomunicato stampa diffuso ieri, è il presidente di Federfarma Marco Cossolo (nella foto): “Lo facciamo con la consueta dedizione e professionalità, con l’impegno e la volontà che tutti i farmacisti hanno dimostrato fin dall’inizio della pandemia”.

Sono 14.000 le farmacie che offrono la somministrazione di test antigenici, processando mediamente 500.000 tamponi al giorno. “Un contributo decisivo, numeri alla mano, al tracciamento dei contagi e un supporto indispensabile alla ripresa delle attività sociali ed economiche del Paese” sottolinea il segretario nazionale di Federfarma Roberto Tobia.

Per assicurare ai cittadini il servizio di somministrazione dei tamponi antigenici nel pieno rispetto degli standard di sicurezza, le farmacie hanno saputo organizzarsi: “Abbiamo adibito spazi dedicati interni o esterni, ampliato gli orari, assunto personale debitamente formato, alcuni colleghi eseguono i test negli orari in cui la farmacia, normalmente, sarebbe chiusa” prosegue Tobia. “I cittadini che intendono sottoporsi a tampone in farmacia sono sempre e comunque garantiti anche sotto il profilo igienico-sanitario. Stiamo facendo la nostra parte e continueremo a collaborare con le Istituzioni per contenere l’emergenza sanitaria”.

“Fin dall’inizio della pandemia le farmacie hanno dimostrato di saper rispondere in maniera immediata ed efficace alle nuove esigenze di salute della popolazione, adattandosi a un contesto mutevole e in rapida evoluzione, affermandosi a pieno titolo come presidi di prossimità territoriali radicati sul territorio e integrati nel Servizio sanitario nazionale”  conclude Cossolo. “Le farmacie assicurano, attraverso il collegamento alla piattaforma informatica del Sistema Tessera Sanitaria, il costante tracciamento dei casi di positività, garantendo la presa in carico dei cittadini da parte delle autorità sanitarie” conclude il presidente Cossolo.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi