Veneto, stretta su prescrizione paracetamolo in regime di Servizio sanitario regionale

Veneto, stretta su prescrizione paracetamolo in regime di Servizio sanitario regionale

Roma, 20 gennaio – Paracetamolo, in Veneto si cambia. Con  delibera della Giunta regionale (la n.1857 del 29 dicembre 2021, avente come oggetto il documento licenziato dalla Commissione tecnica regionale farmaci sull’erogabilità dei trattamenti a base di paracetamolo, la Regione Veneto ha revocato le disposizioni precedenti, risalenti al 2003 e al 2005, che prevedevano l’erogazione
extra-Lea, attraverso le farmacie convenzionate con oneri a carico del Servizio sanitario dei medicinali a base di paracetamolo, in classe C, prescritti per il trattamento del dolore severo in corso di patologia neoplastica o degenerativa a soggetti affetti da una serie di patologie cronico-invalidanti, e segnatamente: 006 “artrite reumatoide”; 013 “diabete mellito” limitatamente ai pazienti affetti da neuropatia diabetica; 048 “soggetti affetti da patologie neoplastiche maligne”; 054 “spondilite anchilosante”.
In considerazione della rivalutazione delle evidenze scientifiche riferite all’utilizzo del paracetamolo nel trattamento del dolore severo in corso di patologia neoplastica o degenerativa contenuta, le prima ricordate deliberazioni “estensive” del 2003 e del 2005 sono state revocate. Di conseguenza, a far data dal 1° febbraio 2022 i medici non potranno più prescrivere il paracetamolo a carico del Servizio sanitario regionale per la terapia del dolore nelle patologie prima ricordate (codici  006,  013,  048, 054). Potranno ovviamente essere “spedite” in regime di Ssr le prescrizioni emesse fino al 31 gennaio 2022.
Dopo tale data, il paracetamolo potrà essere erogato o in farmacia solo a pagamento oppure in regime di Ssn – attraverso i servizi farmaceutici ospedalieri e territoriali – ai pazienti che vengono dimessi da ricovero ospedaliero o a seguito di visita specialistica, in caso di dolore lieve, esclusivamente a fronte di specifica prescrizione medica da parte di specialisti operanti presso strutture pubbliche, Irccs- Iov e Irccs Ospedale Classificato Sacro Cuore Don Calabria di Negrar della Regione del Veneto, ai sensi della legge n. 405 del 16.11.2001.

La Regione, secondo quanto riferisce una circolare di FarmacieUnite,  ha chiesto la collaborazione delle farmacie per informare i pazienti.  Il sindacato presieduto da Franco Gariboldi Muschietti, da parte sua, ha chiesto alla Regione una compiuta e penetrante informazione dei medici sul nuovo regime prescrittivo del paracetamolo e un periodo di tolleranza per le prescrizioni emesse fino al 15 febbraio 2022.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi