Assoram, eletti i nuovi vertici associativi, Petrone confermato alla presidenza

Assoram, eletti i nuovi vertici associativi, Petrone confermato alla presidenza

Roma, 24 giugno – Pierluigi Petrone (nella foto),  amministratore delegato di Petrone Group, in Assoram da 26 anni, è stato confermato alla presidenza dell’associazione che rappresenta oltre 130 operatori commerciali e logistici della health supply chain nel corso della 57 assemblea nazionale del sodalizio.

“La netta riconferma di Pierluigi Petrone, a valle di un’assemblea molto partecipata, è il segnale della vicinanza degli associati e del grande lavoro svolto in questi quattro anni” ha commentato  il direttore generale dell’associazione  Mila De Iure. “L’emergenza Covid-19 e i rincari delle materie prime hanno messo a dura prova le aziende della distribuzione health: l’associazione ha lavorato molto per intensificare il dialogo con le Istituzioni e con le altre anime della filiera a tutela delle proprie associate”.

Il board di Assoram che affiancherà Petrone nella gestione dell’associazione è composto dai vicepresidenti  Carlo Mambretti e Alfredo Sassi e dai membri del Consiglio direttivo Fabio MioliGianpiero De MestriaNatalia Felsani, Vincenzo Monetti, Ewa Anna Micor, Luigi ViscardiMarcello Montis e Marco Magro.

Il Collegio dei probiviri si avvarrà anche di autorevoli esperti esterni, a partire dal suo presidente Paolo Leopardi, avvocato esperto in diritto farmaceutico,  che lavorerà in squadra con Andrea De Rosa e Gianni Giulio Pasquini, anche loro avvocati, e i probiviri di provenienza  associativa Consuelo Gandino e Paolo Mirazita.

Lo stesso schema è stato replicato nella nomina del Collegio dei Revisori, che sarà guidato da un altro nome ben noto alle cronache farmaceutiche, Marcello Tarabusi, esperto dello Studio Guandalini di Bologna. Sarà affiancato dal suo collega Giovanni Trombetta, dalla docente della SDA Bocconi Erika Mallarini, da Gianluca Meneguzzi e da Maria Caterina Ferrari.

“Assoram nobilita i suoi 57 anni di storia rinnovandosi per far fronte alle complesse evoluzioni della supply chain” ha dichiarato il presidente dopo il voto. “Nei prossimi anni si giocheranno partite importanti, se non decisive, per la nostra filiera. Le aziende associate dovranno cogliere le nuove opportunità del Pnrr in un contesto iper-competitivo, che sconterà anche la grave crisi di materie prime e il rincaro dei prezzi. Assoram punterà non solo su un continuo dialogo interno alla filiera, come fatto finora, ma anche sulle partnership accademiche e scientifiche, come il Milano Innovation District, essenziali per comprendere e gestire i trend del futuro”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi