Regno Unito, l’Nhs sperimenta i droni per la consegna dei farmaci chemioterapici

Regno Unito, l’Nhs sperimenta i droni per la consegna dei farmaci chemioterapici

Roma, 18 luglio – I malati di cancro inglesi saranno i primi al mondo a ricevere i farmaci chemioterapici attraverso i droni, nel quadro di una nuova sperimentazione di trasporto aereo. A dare la Tutte le immagininotizia e lo stesso National health service, con un annuncio del suo amministratore delegato Amanda Pritchard (nella foto), che ha anche  precisato che il primo utilizzo di droni avverrà sull’isola di Wight. I farmaci saranno trasportati direttamente dalla farmacia del Portsmouth Hospitals University Trust al St. Mary’s Hospital, dove il personale li raccoglierà prima di distribuirli alle squadre e ai pazienti dell’ospedale.

Si stima che l’uso dei droni per trasportare questi farmaci ridurrà i tempi di consegna da quattro ore a 30 minuti, un vantaggio davvero notevole, se si pensa che le dosi di alcuni chemioterapici hanno una breve durata di conservazione e quindi sono difficili da trasportare con altri mezzi. Inoltre, ogni consegna via drone eliminerà almeno due viaggi in auto e una traversata in hovercraft o traghetto, con effetti molto positivi in termini di riduzione delle emissioni di CO2.

Per Pritchard si tratta di “uno sviluppo straordinario per i malati di cancro” e il Nhs inglese non lascerà niente di intentato per continuare su questa strada e garantire ai suoi pazienti di ricevere le cure di cui hanno bisogno il più rapidamente possibile. Il ministro della Salute Sajid Javid ha espresso la sua volontà di “far diventare il Regno Unito un leader mondiale nella cura del cancro e l’utilizzo della più recente tecnologia per trasportare farmaci attraverso droni significa che i pazienti avranno un accesso più rapido ed equo alle cure, indipendentemente dal luogo in cui vivono”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi