Federfarma, assemblea pubblica al Sistina di Roma per un confronto con la politica

Federfarma, assemblea pubblica al Sistina di Roma per un confronto con la politica

Roma, 2 settembre – Un importante momento di confronto con la politica sul futuro della farmacia: questo vuole dichiaratamente essere la sessione pubblica dell’assemblea di Federfarma che si terrà al Teatro Sistina di Roma il prossimo 14 settembre, a soli 11 giorni dalle importanti consultazioni politiche del 25 settembre, seguita il giorno successivo dalla sessione ordinaria dell’assise sindacale.

L’evento aperto agli “inquilini” dei Palazzi che contano, nelle intenzioni e nelle aspettative del sindacato nazionale dei titolari di farmacia, vuole essere “un’occasione importante per comprendere come la politica vorrà porsi nei confronti dei farmacisti e della farmacia italiana come risorsa professionale fino a oggi non pienamente utilizzata dal nostro Servizio sanitario nazionale”, come spiega una circolare diramata alle Unioni regionali e alle Associazioni provinciali, nella quale viene anche ribadita “l’importanza di assicurare la partecipazione di un significativo numero di colleghi per dimostrare alla politica la compattezza e la determinazione dell’intera categoria nel garantire un servizio farmaceutico sempre più efficiente a favore dei cittadini, come ampiamente dimostrato in tutto il periodo della pandemia, per assicurare il quale è indispensabile acquisire ogni possibile sostegno da parte dello Stato e delle Regioni“.

Federfarma sta profondendo tutti gli sforzi per garantire una massiccia partecipazione all’evento: sul sito del sindacato è stata aperta un’area riservata dedicata alla registrazione all’assemblea, allargata per l’occasione anche a eventuali accompagnatori dei titolari associati (fino a un massimo di cinque).  La registrazione on line, spiega Federfarma, è in ogni caso richiesta. Al termine della procedura di registrazione (semplice e intuitiva), il sistema invierà via e-mail un modulo di avvenuta registrazione per ciascuno dei partecipanti iscritto all’assemblea. Sarà proprio quel modulo il ticket di ingesso al Sistina: andrà infatti presentato al desk di accoglienza del teatro Sistina, che aprirà i battenti a partire dalle ore 18.30 del 14 settembre.

I componenti dell’Assemblea nazionale del sindacato non dovranno invece sottostare all’obbligo di registrazione personale, anche se  – come gli altri – dovranno seguire la procedura se intendono far partecipare qualche accompagnatore. Per ovvie ragioni organizzative e di sicurezza, il sistema di registrazione dei partecipanti, raggiunto il numero massimo dei posti disponibili in teatro (1500), bloccherà le registrazioni.

La comunicazione alle articolazioni periferiche è conclusa da un circostanziato avviso di divieto ai partecipanti di comunicare o divulgare all’esterno le dichiarazioni rese e le opinioni espresse da parte dei componenti degli organi federali nel corso delle riunioni, e quindi anche della prossima assemblea. “Gli interventi effettuati e le opinioni espresse nel corso delle riunioni e degli incontri, da parte dei componenti degli Organi di Federfarma, sono assoggettate alle norme relative alla protezione dei dati personali (privacy) e sono considerate informazioni sensibili” si legge in un inserto riquadrato che chiude la circolare e che –  facendo riferimento a un regolamento europeo – fa “esplicito divieto di divulgare al pubblico o comunicare a soggetti terzi il contenuto degli interventi effettuati e le opinioni espresse da parte dei componenti degli organi di Federfarma nel corso delle riunioni e degli incontri degli Organi predetti senza il consenso dell’interessato”.
Vietate, ovviamente, anche le registrazioni – anche solo parziali – dei contenuti delle riunioni e degli incontri con qualsiasi supporto audio-video: “è infatti compito esclusivo degli uffici di Federfarma provvedere alla registrazione delle riunioni degli Organi statutari ai fini della redazione dei relativi verbali”, specifica la comunicazione, aggiungendo in chiusura che il sindacato dei titolari  “si riserva di intraprendere le opportune azioni di natura legale nei confronti di qualsiasi soggetto che venga meno agli obblighi di riservatezza e ai divieti sopra descritti”.

 

Print Friendly, PDF & Email