Grosseto, false ricette di stupefacenti, i Nas arrestano operatrice socio-sanitaria

Grosseto, false ricette di stupefacenti, i Nas arrestano operatrice socio-sanitaria

Roma, 9 settembre – I carabinieri del Nas di Livorno e della sezione di polizia giudiziaria della Procura della Repubblica, hanno tratto in arresto in flagranza di reato una donna, 51enne, operatrice socio-sanitaria, presunta autrice del furto di ricette rosse sottratte dai ricettari medici del Servizio sanitario regionale, assegnati ai medici dell’Ospedale Misericordia di Grosseto e custoditi in un armadio dell’area ospedaliera.

Perquisizioni effettuate negli spazi lavorativi della donna in ospedale e nella sua abitazione hanno permesso di rinvenire e sottoporre a sequestro  numerose ricette non ancora compilate, due timbri di medici ospedalieri e alcune confezioni di specialità medicinali stupefacenti.

I carabinieri, coordinati dalla Procura di Grosseto, ottenuta la collaborazione degli uffici competenti dell’Azienda Usl Toscana Sud Est e acquisiti i flussi delle prescrizioni di quelle specialità medicinali, hanno interpellato i medici prescrittori, registrando le loro dichiarazioni di non autenticità delle prescrizioni rilasciate a loro nome e firma,

Le successive indagini hanno consentito la ricostruzione di un quadro gravemente indiziario nei confronti della presunta autrice del reato, perdurevole da alcuni anni, tale da supportare il provvedimento pre-cautelare adottato dai militari. Il procedimento penale è in fase di indagini preliminari e, pertanto, l’indagata è da ritenersi presunta innocente, fino al definitivo accertamento di colpevolezza.

Print Friendly, PDF & Email