Vaccini anti-Covid, l’Emilia arruola i medici di famiglia, la Lombardia le farmacie

Vaccini anti-Covid, l’Emilia arruola i medici di famiglia, la Lombardia le farmacie

Roma, 23 settembre – Vaccinazioni: dai medici in Emilia-Romagna, in farmacia in Lombardia: questo il titolo di una nota pubblicata su Regioni.it che restituisce con plastica immediatezza le prime decisioni assunte dalle Regioni italiane per portare avanti le strategie vaccinali anti-Covid sul proprio territorio. La ìRegione Emilia-Romagna ha siglato un accordo con i sindacati dei medici di medicina generale per la vaccinazione contro il Sars Cov 2 affinché i cittadini possano fare il vaccino dal proprio medico di famiglia, aprendo così un nuovo canale di vaccinazione che affianca quelli esistenti.

L’accordo  – sottoscritto da Regione e sindacati dei Mmg grazie anche al fatto che per i nuovi vaccini sono differenti le modalità di conservazione e utilizzo rispetto ai precedenti – prevede un impegno diretto dei medici di assistenza primaria nella realizzazione del piano vaccinale, secondo le indicazioni istituzionali, sia in termini di comunicazione ai propri assistiti, sia di effettuazione delle vaccinazioni. Verranno così facilitati la prenotazione e l’accesso alla vaccinazione e la diffusione delle informazioni che riguardano la campagna vaccinale.
Della diversa scelta lombarda RIFday ha già riferito ieri in quest’articolo.  Le  vaccinazioni anti-Covid con il bivalente aggiornato per Omicron 1  partono sono partite ieri anche nelle farmacie, dove  i cittadini lombardi con più di 12 anni che devono ancora sottoporsi alla terza dose (primo booster) e quelli per  i quali è raccomandata la quarta (secondo booster) – ultra 60enni,  fragili over 12, trapiantati, immunocompromessi, donne in gravidanza,  operatori sanitari e delle Rsa – potranno ricevere il vaccino aggiornato recandosi in una delle 605 farmacie lombarde aderenti alla campagna di vaccinazione. Come per l’inoculazione in hub, anche per la somministrazione in  farmacia è necessario prenotarsi sulla piattaforma unica regionale.
Print Friendly, PDF & Email
Condividi