Netta vittoria per Meloni, salda maggioranza in Parlamento per il centrodestra

Netta vittoria per Meloni, salda maggioranza in Parlamento per il centrodestra

Roma, 27 settembre – Gli italiani hanno votato e il risultato del voto (nonostante una legge elettorale comprensibilmente esecrata da tutte le parti politiche, il famigerato “Rosatellum”, che un’intera legislatura non è bastato a correggere)  non si presta ad equivoci: le fin qui inedite elezioni autunnali del 2022 passeranno alla storia come quelle della netta vittoria di Giorgia Meloni e del partito da lei co-fondato appena una decina di anni fa. La leader di Fratelli d’Italia, che si accinge a diventare la prima donna capo del governo nel nostro Paese, ha portato il suo partito a raccogliere alle elezioni per la Camera il  26,40% dei consensi degli italiani. Il Pd, secondo partito, è staccatissimo, con il 19,28%. Segue il M5s, che ha raccolto il 14,94%, smentendo le previsioni che lo davano ben sotto il 10. Tonfo pesante per la Lega, che si ferma all’8,94%, e sostanziale tenuta per Forza Italia, che tocca quasi il livello del partito di Salvini (8,04%).

Non dissimili i risultati del voto per il Senato: primo partito è sempre Fratelli d’Italia, con il  26,33% dei voti. Seguono Pd (19,13%), Movimento 5 Stelle (15,20%), Lega  (8,99%) e Forza Italia (8,26%).

Il netto successo della coalizione di centrodestra è reso ancora più esplicito dal dato dei voti di coalizione: lo schieramento trainato da Fratelli d’Italia è stato votato dal 44,31%, il centrosinistra si è fermato al 26,38% e il M5s si è attestato al 14,94%, grazie soprattutto ai buoni risultati conseguiti nelle Regioni del Sud. Il nuovo Parlamento, dunque, si accinge a insediarsi con un maggioranza che, in termini numerici, si annuncia solidissima.

I verdetti del voto sono risultati fatali per alcuni nomi di primo piano, tra i quali quello di Andrea Mandelli, vicepresidente della Camera nell’ultimo anno e mezzo di legislatura. Il presidente della Fofi ha perduto la sfida con il candidato schierato dal centrosinistra nel collegio uninominale di Milano Loreto e non tornerà dunque a sedere a Montecitorio nella legislatura che sta per cominciare.

Sull’onda del grande successo di Fratelli d’Italia, non ha invece avuto problemi a essere confermato alla Camera un altro rappresentante della farmacia, il responsabile Sanità del partito Marcello Gemmato, titolare di farmacia a Terlizzi, in provincia di Bari.

 

 

Print Friendly, PDF & Email