Distributori intermedi: “Farmaci introvabili, è emergenza, servono misure urgenti”

Distributori intermedi: “Farmaci introvabili, è emergenza, servono misure urgenti”

Roma, 27 ottobre –  La situazione dei medicinali che scarseggiano diventa sempre più insostenibile. Al nuovo governo, insieme agli auguri di buon lavoro in un momento così delicato per il Paese, le sigle della distribuzione intermedia di farmaci Adf e Federfarma Servizi,  in un comunicato congiunto, chiedono l’avvio di un confronto urgente, costruttivo e realmente efficace con tutti gli attori del sistema sul problema carenze e non solo, “al fine di individuare in una visione d’insieme le soluzioni più adeguate ad assicurare una sanità realmente focalizzata sui bisogni di salute della popolazione”.

Le criticità, denunciano Adf e Federfarma Servizi, si vanno sempre più aggravando e, oltre ai “classici” mancanti, si registrano rotture di stock su un gran numero di prodotti, “con evidenti ricadute sulla disponibilità ai cittadini di medicinali, anche importanti come antiasmatici, antipertensivi, neurolettici e antiepilettici”.

La cause sono note: sull’intero settore farmaceutico si stanno abbattendo gli effetti combinati della crisi pandemica (che accresce la richiesta di alcuni prodotti) e di quella economica (inflazione, aumenti dei costi per energia e trasporti, scarsità di materie prime) che, incidendo anche a livello produttivo, provocano conseguenze a cascata nella filiera con ritardi nelle consegne dei medicinali ai magazzini dei distributori intermedi che si ripercuotono infine sulle farmacie e sui cittadini con forti rallentamenti nelle consegneOrdini che prima arrivavano in 5 giorni ai siti logistici dei distributori, attualmente restano inevasi fino a 3 o 4 settimane”  spiegano Adf e Federfarma Servizi “causando, di conseguenza, il problema di medicinali introvabili per i cittadini che si recano in farmacia, dove si segnalano mancanze in aumento”.

“Contiamo sull’attenzione che i nuovi decisori politici vorranno riservare alla sanità e anche ai distributori intermedi full-line, la cui attività è centrale nel sistema sanitario nazionale e regionale e rappresenta un asset importante delle risorse imprenditoriali ed occupazionali del Paese” si legge ancora nella nota. “Le aziende distributrici garantiscono il rispetto dei massimi livelli di qualità nelle infrastrutture, nei processi (compresa tracciabilità e rintracciabilità) e nella formazione del personale e assicurano la gestione dei prodotti sia nei locali automatizzati e climatizzati, sia durante il trasporto capillare, tempestivo e plurigiornaliero alle farmacie e parafarmacie dislocate sul territorio, anche nelle aree più lontane e disagiate da raggiungere”.

“Tutta la filiera farmaceutica è in allarme: purtroppo stiamo assistendo al verificarsi di quanto già da tempo abbiamo segnalato all’attenzione dell’opinione pubblica e delle istituzioni” dichiarano i presidenti di Adf, Walter Farris (foto a sinistra), e di Federfarma Servizi Antonello Mirone (a destra). “Più volte abbiamo lanciato l’allarme chiedendo – anche insieme alle altre sigle del comparto – misure per sostenere il settore, comprese le imprese della distribuzione intermedia, anello centrale della filiera, già gravate da una insufficiente marginalità, impostaci dalla normativa con un taglio incongruo che ha reso la remunerazione insufficiente a coprire i costi del servizio per distribuire i farmaci Ssn”.

 

Print Friendly, PDF & Email