Fofi: 1194 i farmacisti sospesi perché non vaccinati, reintegro già comunicato a 690

Fofi: 1194 i farmacisti sospesi perché non vaccinati, reintegro già comunicato a 690

Roma, 4 novembre – In una breve nota diffusa l’altro ieri, la Fofi informa che sono 1.194 i farmacisti – pari a circa l’1% del totale dei 100mila iscritti all’Albo – i farmacisti che, al 29 ottobre, risultavano sospesi per inadempimento dell’obbligo vaccinale e che ora possono tornare ad esercitare a seguito del Decreto legge con il quale il Consiglio dei ministri ha anticipato al 1° novembre la scadenza dell’obbligo di vaccinazione anti-Covid per i professionisti sanitari. Di questi, oltre la metà (690) ha già ricevuto comunicazione da parte degli Ordini territoriali di appartenenza di revoca della sospensione.
“Un ringraziamento va agli Ordini provinciali che in questi mesi hanno adempiuto con il massimo rigore alle responsabilità di verifica per garantire la sicurezza di cittadini e operatori, e che ancora in queste ore si stanno adoperando per ottemperare a quanto previsto dalla normativa” dichiara il presidente della Fofi Andrea Mandelli (nella foto), che estende il ringraziamento ai “centomila farmacisti italiani che hanno aderito alla vaccinazione dando prova di grande responsabilità, la stessa dimostrata sin dall’inizio della pandemia durante la quale sono sempre stati in prima linea al servizio dei cittadini”.

Print Friendly, PDF & Email