Generici, il 75% è made in Europe, Germania e Italia principali produttori

Generici, il 75% è made in Europe, Germania e Italia principali produttori

Roma, 18 novembre -“Il mercato dei farmaci generici mostra segnali di forte dinamismo all’interno dei confini europei, dove vengono prodotti circa il 75% dei medicinali equivalenti consumati a livello globale. Le evidenze su un campione di 158 aziende distribuite su 19 Paesi certificano la grande rilevanza dell’Europa nell’industria del farmaco generico, con un volume d’affari complessivo che supera i 15,6 miliardi di euro nel 2020, in aumento del 6% rispetto al 2019 e del 15% rispetto al 2018”.

È una delle evidenze che emergono dall’Osservatorio Nomisma sul Sistema dei farmaci generici in Italia, la cui edizione 2022 è stata presentata lo scorso 15 novembre a Roma (il nostro giornale ne ha già riferito ieri), con la partecipazione di rappresentanti del mondo istituzionale, del panorama industriale e degli operatori della filiera.

“In termini di valore della produzione – riferisce il rapporto – Germania e Italia difendono i primi due posti della classifica e mostrano entrambi discreti tassi di crescita, nonostante una configurazione dimensionale media di settore piuttosto eterogenea: aziende tedesche di grandissime dimensioni, a cui si affiancano aziende italiane più piccole e flessibili. Segue la Francia, che nell’ultimo anno cresce in maniera meno sostenuta delle prime due e l’Ungheria e la Spagna che, al contrario, nel 2020, subiscono decrementi nel valore della produzione pari rispettivamente al -3% e al -6%”.

Print Friendly, PDF & Email