Aifa, Schillaci: “Riforma necessaria per risolvere anomalie e adeguare strutture”

Aifa, Schillaci: “Riforma necessaria per risolvere anomalie e adeguare strutture”

Roma, 9 dicembre – Nel corso dell’audizione sulle linee programmatiche del suo dicastero resa il 7 dicembre scorso davanti alla Commissione permanente Sanità e Lavoro di Palazzo Madama, il ministro della Salute Orazio Schillaci non ha mancato di intervenire su uno dei temi di maggiore attualità in questo momento, la riforma dell’organizzazione dell’Aifa, l’agenzia regolatoria nazionale. Che – ha spiegato il titolare della Salute – risponde alla necessità correggere alcune anomalie non più sostenibili dopo vent’anni di vita dell’organismo tecnico.

“Il tema degli enti vigilati è sempre attuale e richiede periodici interventi di adeguamento delle relative strutture alle esigenze e all’evoluzione delle funzioni che gli stessi enti sono chiamati ad assolvere” ha detto il ministro. “Partendo da questo contesto, si può valutare e apprezzare la mia prima iniziativa di revisione dell’ordinamento dell’Aifa, la cui organizzazione risale a circa 20 anni fa, per cui era ormai maturo il tempo per intervenire e sanare l’anomalia di sistema che vedeva il presidente dell’agenzia privo dei poteri di rappresentanza legale dell’ente. Seguiranno altri interventi finalizzati ad attuare in maniera più organica una revisione del panorama degli altri enti vigilati”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Facebook
LinkedIn