Adf al ministro: “Distribuzione farmaceutica, un settore strategico per il Paese”

Adf al ministro: “Distribuzione farmaceutica, un settore strategico per il Paese”

Roma, 29 dicembre – “Ritengo che ormai i tempi siano maturi per rivedere a regime il sistema di remunerazione delle farmacie e dell’intera filiera, che da anni deve essere aggiornato”.
Così il ministro della Salute Orazio Schillaci (nella foto), illustrando le linee programmatiche del suo dicastero in Parlamento, aveva di fatto espresso la sua disponibilità ad affrontare una delle criticità che – da anni – è al centro delle preoccupazioni della filiera del farmaco.

Una presa di posizione, quella del titolare del ministero, subito accolta positivamente e rilanciata da tutti gli attori del settore e che, recentemente, ha voluto sottolineare e ribadire anche Adf, la sigla che con 34 aziende associate sul territorio nazionale assomma più del 60% del del fatturato intermediato dai distributori intermedi farmaceutici in Italia, raggiungendo ogni giorno circa 19 mila farmacie. Nell’editoriale dell’ultimo numero del suo notiziario online, Adf commenta l’affermazione di Schillaci, confidando che – nell’eventuale riforma del sistema di remunerazione – “non manchino misure anche per il nostro settore, cruciale nella filiera della salute, che da sempre coniuga aspetti sociali e sanitari a vantaggio della popolazione e del Ssn. Ai neo-decisori Adf ha ribadito, insieme agli auguri di buon lavoro, il valore e le istanze della categoria che deve poter continuare a svolgere in maniera anche economicamente sostenibile un servizio pubblico essenziale d’eccellenza.
Agli stessi decisori, chiarisce Adf, spetta il compito di attuare “gli interventi indispensabili a sostegno di un settore strategico per il Paese e necessari per costruire una nuova sanità di territorio. È nell’interesse del Paese e dei suoi cittadini far sì che la sanità resti una priorità nell’agenda politica, trovando soluzioni di sistema e risorse appropriate per renderla sostenibile in tutte le sue declinazioni ed espressioni sul territorio, comprese quelle legate alla filiera della salute di cui la distribuzione intermedia è l’anello cruciale”.

Print Friendly, PDF & Email
Facebook
LinkedIn