Carenze, Schillaci alla Camera: “Riguardano solo 30 farmaci, nessun allarme”

Carenze, Schillaci alla Camera: “Riguardano solo 30 farmaci, nessun allarme”

Roma, 19 gennaio – Le carenze di farmaci? Il problema non è tale da destare allarme, riguarda in termini reali una trentina di medicinali e dunque “gli italiani possono stare tranquilli, non serve fare scorteSeguiamo la questione e c’è un tavolo aperto“.

A confermarlo all’Adnkronos Salute, dopo la sua informativa sul tema in Commissione Affari sociali alla Camera, è stato il ministro della Salute Orazio Schillaci (nella foto), riportando alle sue reali dimensioni una questione che, secondo il titolare del dicastero,  è stata enfatizzata dalla “comunicazione allarmistica di questi giorni, che sta generando quella che tecnicamente si chiama ‘carenza di rimbalzo’: l’accaparramento del farmaco da parte dei pazienti, preoccupati di avere a disposizione una scorta di un prodotto che sembrerebbe ‘a rischio’, rafforza il picco di domanda, e crea ulteriori tensioni nell’approvvigionamento”.

“L’11 gennaio scorso” ha ricordato il ministro  “ho convocato un tavolo di lavoro permanente sull’approvvigionamento dei farmaci per definire la reale entità del fenomeno e indicare proposte risolutive”. Tavolo allargato anche “ai Nas e ai medici di medicina generale”. Quello che emerge, ha fatto notare il ministro, è che “una sovrapposizione di fenomeni di natura diversa (aumenti di costi legati alla situazione internazionale, picco di domanda per i farmaci ‘stagionali’, polarizzazione su poche molecole delle scelte terapeutiche proposte dai prescrittori per le malattie di stagione, coda delle difficoltà produttive legate alla pandemia da Covid) sta creando tensione nell’approvvigionamento di alcuni medicinali specifici, fondamentalmente antinfiammatori, antinfluenzali e antibiotici”.

Visto il quadro corrente, ha annunciato Schillaci, “oltre a supportare le iniziative di comunicazione tese a chiarire la reale situazione delle carenze, si è già valutato di procedere, dopo questa fase di ‘crisi mediatica’, a una revisione dell’impianto della lista dei farmaci carenti, già discussa e concordata in sede di Tavolo Tecnico Indisponibilità presso l’Agenzia italiana del farmaco Aifa, con gli attori interessati: si provvederà ad espungere dalla lista principale tutti i farmaci di non significativa importanza. In questo quadro, sarà anche possibile definire e promuovere d’intesa con tutta la rete, ulteriori iniziative formative e informative che aiutino ad aumentare l’accesso agli strumenti già disponibili (equivalenti, galenica, importazione). In prospettiva” “sono stati proposti anche altri interventi strutturali rispetto al tema degli aumenti di costi indotti dalla tensione internazionale: la rivalutazione dei prezzi dei farmaci al di sotto della soglia dei 5 euro, che sono a maggiore rischio di perdita di remuneratività, è ad esempio tra questi”.

Print Friendly, PDF & Email
Facebook
LinkedIn