banner
lunedì 15 Luglio 2024
banner

Covid, ricercatori italiani scoprono nuova chiave con cui il virus entra in cellule umane

banner

Roma, 13 novembre – Parla italiano la scoperta di una nuova strada attraverso la quale il virus Sars Cov 2 entra nei monociti, globuli bianchi che contribuiscono alla risposta immunitaria innata. Un team di ricercatori dell’Università di Padova e di Human Technopole hanno osservato che il coronavirus responsabile di Covid si lega a un recettore presente sulla membrana della cellula, chiamato Rage (Receptor for advanced glycation end products) e lo usa come chiave per entrare all’interno.

I ricercatori hanno anche osservato che i pazienti in cui l’attivazione del pathway Rage è più elevata hanno sintomi e conseguenze più gravi. Lo studio,  pubblicato su Cell Reports Medicine, è stato condotto in stretta collaborazione tra il gruppo coordinato dalla professoressa Antonella Viola (nella foto) presso il Dipartimento di Scienze biomediche dell’Università di Padova e i ricercatori del gruppo di Giuseppe Testa, con il supporto dell’Istituto europeo di Oncologia e dell’Università degli Studi di Milano.

Lo studio si è basato sui dati di pazienti ricoverati per Covid-19 durante la prima fase della pandemia presso l’Unità operativa complessa Malattie infettive e malattie tropicali di Padova, diretta da Anna Maria Cattelan (nella foto a destra). Il gruppo di ricerca padovano ha isolato e caratterizzato le cellule immunitarie del sangue dei pazienti Covid 19 in tre momenti diversi del decorso dell’infezione, ovvero al ricovero, alle dimissioni e dopo un mese. L’analisi è poi proseguita a Milano con l’utilizzo di tecnologie che hanno permesso di analizzare la totalità di quanto accade all’interno di una singola cellula, cioè l’espressione di tutti i 20.000 geni codificati dal suo Dna. La mole di dati osservata per ciascun paziente è paragonabile alla quantità di informazioni presente in un’immagine da 140 megapixel, risoluzione alla frontiera delle possibilità delle fotocamere comunemente disponibili sul mercato.

Queste ‘fotografie’ sono state scattate in più momenti del percorso ospedaliero dei pazienti, amplificando così esponenzialmente la mole di dati, ma soprattutto le informazioni per ogni singolo paziente sulla risposta del sistema immunitario al Sars-Cov-2. Dall’analisi è emerso che il recettore Rage induce specifiche alterazioni nella regolazione dei geni, potenziando l’effetto infiammatorio del virus e contribuendo all’aggravarsi della malattia. L’identificazione di questa nuova modalità di interazione tra il virus e le cellule umane è di importanza cruciale per lo sviluppo di strategie terapeutiche mirate, in particolare per proteggere i soggetti a rischio di gravi complicanze, come gli anziani o i soggetti fragili. Questa scoperta potrebbe gettare le basi per un approccio più mirato e efficace nel contrastare la diffusione del virus in questi gruppi vulnerabili.

Ad esempio paragonando le caratteristiche risposte molecolari rilevate nel corso dello studio con quelle raccolte in alcuni database globali, gli scienziati hanno inoltre scoperto che il  baricitinib, immunosoppressore impiegato nella cura dell’artrite reumatoide e già approvato dall’Aifa nel 2021 per il trattamento di Covid 19, potrebbe potenzialmente invertire gli effetti dannosi identificati.

Viola, docente di Patologia generale all’Università di Padova e corresponding author dello studio insieme a Testa, racconta che, all’inizio della pandemia, venne subito stabilito un contatto con Cattelan “per mettere le nostre competenze a servizio della comunità. Insieme abbiamo studiato le caratteristiche immunologiche dei pazienti ricoverati a Padova e questo è l’ultimo di una serie di risultati che abbiamo ottenuto e pubblicato. La collaborazione con il gruppo di Giuseppe Testa e con gli altri colleghi di Human Technopole per questo specifico studio” continua la scienziata padovana “è stata strategica per riuscire a identificare un nuovo recettore del Sars Cov 2. La nostra ricerca, frutto di una collaborazione tra scienziati di ambiti diversi e operanti in Italia e all’estero, mostra quanto ancora poco conosciamo questo virus e quanto sia importante continuare a definire i meccanismi patogenetici del Covid 19″.

“L’idea di iniziare a studiare il Covid-19 come parte della nostra missione di responsabilità sociale in qualità di scienziati”  precisa Testa, professore di Biologia molecolare all’Università degli Studi di Milano e direttore del programma di ricerca in Neurogenomica di Human Technopole (nella foto), “risale al marzo del 2020, all’inizio della pandemia, quando lanciai il progetto ‘Covidiamo’ sotto l’egida dell’iniziativa europea LifeTime-for-Covid-19, di cui sono stato coordinatore, che applicava al Covid 19 il paradigma della medicina ad alta definizione mirato a intercettare i meccanismi di malattia al loro primo manifestarsi e poi nel loro decorso grazie a uno zoom ad alta risoluzione su come ciascuna singola cellula modifica il suo funzionamento”.

Lo studio, aggiunge il docente milanese, “è il risultato del nostro lavoro portato avanti a Human Technopole e all’Istituto Europeo di Oncologia, in collaborazione con il gruppo di Antonella Viola dell’Università di Padova, che ha permesso di identificare un nuovo meccanismo che in futuro potrà aiutarci a capire perché in alcune persone il Covid-19 ha un decorso peggiore rispetto ad altre. Il ruolo importante di Rage era già noto alla comunità scientifica in quanto legato a una serie di condizioni fisiopatologiche come obesità e diabete, ma questa è la prima volta che viene identificato come recettore di un virus. Questa scoperta dimostra il potere dell’alta risoluzione spinta a livello della singola cellula” conclude Testa “e pone le basi per un’analisi più approfondita sul ruolo di Rage nelle infezioni e potrebbe avere in futuro un impiego traslazionale nella lotta ad alcune malattie, anche se al momento non esiste ancora un trial clinico”.

Print Friendly, PDF & Email

banner
Articoli correlati

i più recenti

I più letti degli ultimi 7 giorni