banner
mercoledì 6 Dicembre 2023
banner

Diabete, confronto tra professioni a Roma sulla necessità di un approccio integrato

banner

Roma, 16 novembre -Il diabete mellito è una malattia cronica in forte crescita. In Italia, secondo le ultime rilevazioni, sono più di 4 milioni le persone che dichiarano di essere portatori della patologia, ma diversi studi stimano che circa 1,5 milioni non sanno di averla e altri 4,5 milioni hanno una condizione di prediabete.

Di fronte a un impatto numerico così elevato, la risposta deve essere rivolta alla prevenzione della malattia diabetica, alla diagnosi precoce e a un processo di cura volto a ridurre il rischio delle complicanze micro e macro vascolari che hanno un forte impatto in termini di salute e in termini di spesa sanitaria sostenibile. Alla luce di tali complessità il modello assistenziale che viene ritenuto più appropriato è quello che vede la persona con diabete mellito al centro di una rete che permetta l’interazione delle strutture specialistiche diabetologiche e della medicina del territorio, dove peraltro si stanno via via affacciando realtà nuove (come le Case di comunità previste nel Pnrr),  nuovi paradigmi, come la sanità digitale, e nuove decisioni regolatorie, come la nota 100 dall’ Aifa che estende ai medici di medicina generale la
prescrivibilità di gran parte dei farmaci ipoglicemizzanti cosiddetti innovativi, rendendo così ancora più necessario un confronto tra specialisti diabetologi e medici di medicina generale. Per approfondire a più voci e da diversi punti di vista questo scenario, avrà luogo il prossimo 18 novembre a Roma, nella cornice plurisecolare del Nobile Collegio Chimico Farmaceutico ai Fori Imperiali, il convegno La diabetologia aperta: confronto tra pari, accreditato ai fini Ecm (4,2 crediti) e rivolto a biologi, dietisti, farmacisti, fisioterapisti, Infermieri, medici chirurghi, podologi e Psicologi

che sarà aperto – proprio al fine di sottolineare come le malattie “sociali” come il diabete non possono prescindere dall’interdisciplinarietà e quindi dal coinvolgimento di tutte le figure dei professionisti sanitari che operano nella prossimità – dagli interventi dei presidenti degli Ordini professionali della provincia di Roma, ovvero Emilio Croce (Farmacisti), Antonio Magi (Medici) e Maurizio Zega (Infermieri).

Tra i temi in programma, segnaliamo tra gli altri: la spesa sanitaria nella cronicità, che sarà illustrato dal vicepresidente dell’Ordine dei farmacisti Giuseppe Guaglianone in una sessione moderata dal diabetologo Rocco Bulzomi; l’importanza della figura del case-manager negli snodi decisionali dell’organizzazione sanitaria; il rischio cardio-nefrologico collegato al diabete, con una rassegna delle opzioni terapeutiche, anche le più innovative, oggi a disposizione e infine la tecnologia come strumento di connessione e link tra il paziente e il team diabetologico.

I lavori si concluderanno con una discussione sui temi trattati e la somministrazione di un test finale.

Per ulteriori informazioni: Delos Communication Srl (www.deloscommunication.it)

Print Friendly, PDF & Email

banner
Articoli correlati

i più recenti

I più letti degli ultimi 7 giorni