banner
lunedì 4 Marzo 2024
banner

Fofi e Fnofi siglano a Roma un accordo di collaborazione tra farmacisti e fisioterapisti

banner

Roma, 25 gennaio – La Federazione degli Ordini dei farmacisti italiani (Fofi) e la Federazione nazionale degli Ordini della professione sanitaria di fisioterapista (Fnofi) hanno siglato a Roma un accordo di collaborazione al fine di favorire un interscambio tra le due professioni, in particolare nell’ambito della gestione informativa, della digitalizzazione, dell’interoperabilità tra i sistemi informativi e dell’affiancamento nella gestione di procedure amministrative. L’obiettivo ultimo, nell’interesse dei cittadini, è quello di rendere più efficiente la gestione delle attività interne e di favorire una costante interconnessione tra due professioni sanitarie che sono tra le più attive, capillari e dinamiche sul territorio, dove rappresentano snodi fondamentali della sanità di prossimità.

“La firma odierna segna l’avvio di una proficua collaborazione tra farmacisti e fisioterapisti per affrontare le sfide che abbiamo davanti come Ordini professionali e come professionisti impegnati ogni giorno a garantire ai pazienti la migliore assistenza possibile” ha dichiarato Andrea Mandelli, presidente della Fofi (nella foto) dopo la firma dell’accordo. “Mai come in questi ultimi anni, abbiamo avuto la consapevolezza di quanto sia importante fare squadra per costruire un Servizio sanitario più efficiente e vicino ai bisogni delle persone, che sia parte fondante di un Sistema Paese ‘attrezzato’ per rispondere alla sfida demografica con la visione di uno sviluppo equo e sostenibile. È con questo spirito che la Fofi guarda alla sinergia con le altre professioni sanitarie, che può rappresentare un valore aggiunto per una più ampia e capillare erogazione di prestazioni sanitarie a beneficio dei cittadini e per una efficace presa in carico dei pazienti cronici sul territorio”.

“Per la Fnofi la collaborazione siglata oggi assume un’importanza particolare” ha sottolineato da parte sua Piero Ferrante (nella foto qui a destra), presidente della federazione ordinistica dei fisioterapisti. “La nostra Federazione è nata poco più di un anno fa e da subito ha iniziato un dialogo istituzionale con le altre realtà ordinistiche da cui dipende oggi la capacità di superare ‘steccati’ professionali, per realizzare quel cambio di paradigma che l’intero Ssn oggi si attende. La sanità italiana si trova ad affrontare un passaggio epocale perché le sfide dell’invecchiamento, della cronicità, della sanità di prossimità sono ineludibili e non più rimandabili: anche grazie ad una stretta collaborazione operativa ed amministrativa tra le professioni, sarà possibile creare le fondamenta di un Servizio sanitario che sappia fare rete tra le professioni, con l’obiettivo di essere sempre vicino ai cittadini, tempestivo nell’accesso alle terapie e competente nella capacità di fornire risposte di salute”.

Print Friendly, PDF & Email

banner
Articoli correlati

i più recenti

I più letti degli ultimi 7 giorni