banner
lunedì 4 Marzo 2024
banner

Conferenza Stato-Regioni, via libera alla nomina di Giorgio Palù alla presidenza di Aifa

banner

Roma, 9 febbraio – La Conferenza Stato-Regioni ha dato il via libera, nella riunione di ieri, alla nomina a presidente dell’Agenzia italiana del farmaco del professore Giorgio Palù (nella foto).

Palù venne nominato per la prima volta presidente dell’Aifa nel dicembre del 2020, in piena era Covid, e la sua conferma nella carica era data per scontata. Con la riforma dell’agenzia regolatoria voluta dal Governo, che ne ha ridefinito in modo sostanziale la governance, abolendo in primo luogo la figura del direttore generale, il ruolo del presidente acquista maggiore poteri, primo tra tutti  quello di rappresentare legalmente  l’Agenzia e di curare l’espletamento dei suoi compiti e l’esercizio delle sue funzioni. Da qui in avanti sarà il presidente, e quindi Palù, a convocare e presiedere il Consiglio di amministrazione, stabilendone l’ordine del giorno a seguito delle proposte dei direttori tecnico-scientifico e amministrativo e a sovrintendere (anche tenendo conto degli indirizzi del ministro della Salute, il complesso delle attività dell’Agenzia, le aree e gli uffici e i rapporti con gli istituti di ricerca pubblici e privati, le società scientifiche, le associazioni industriali e le associazioni dei consumatori e dei pazienti e con le organizzazioni e organismi internazionali, ivi comprese l’Ema e le agenzie regolatorie degli altri Paesi.

Il via libera della Conferenza Stato-Regioni alla nomina di Palù è stato subito commentato molto positivamente dal presidente della Regione Veneto, Luca Zaia (nella foto): “Nel caso del professor Palù, la continuità è la miglior scelta che si potesse fare. Complimenti e buon lavoro alla guida di un organismo fondamentale per la sanità come l’ifa” ha detto il governatore veneto, aggiungendo che “quella di Palù è una conferma meritata, per l’importante lavoro svolto nel precedente mandato e per la caratura internazionale della persona e dello scienziato. Per Palù, e per il direttore amministrativo Giovanni Pavesi, quello scientifico Pierluigi Russo e tutta la nuova Commissione unica scientifico-economica del farmaco, ai quali auguro parimenti buon lavoro, ci sono da affrontare nuove sfide e riforme importanti soprattutto per la salute dei pazienti e per le cure da riservare loro. In questo senso sono certo che sapranno dare il meglio”.

Print Friendly, PDF & Email

banner
Articoli correlati

i più recenti

I più letti degli ultimi 7 giorni