WBA acquisisce negli USA Rite Aid: 17,2 mld di dollari per comprare 4600 farmacie

WBA acquisisce negli USA Rite Aid: 17,2 mld di dollari per comprare 4600 farmacie

Roma, 29 ottobre – Ormai è cosa fatta: Walgreens Boots Alliance ha ufficialmente annunciato di aver raggiunto l’accordo definitivo per l’acquisizione di  Rite Aid, una catena di farmacie statunitensi quotata nel listino della NYSE proprietaria di circa  4.600 punti vendita in 31 Stati della federazione nordamericana. Un’operazione del valore di 17,2 miliardi di dollari, i cui dettagli sono forniti dalla stessa WBA con una nota utfficiale pubblicata sul suo sito.  L’acquisizione è soggetta all’approvazione delle varie autorità regolatorie e di mercato statunitensi: non è infatti escluso che l’accordo di fusione possa sollevare  qualche dubbio da parte delle autorità antitrust. Al riguardo, una nota dell’agenzia Radiocor avanza l’ipotesi che per ottenere il via libera potrebbero essere necessari dei disinvestimenti, anche se – precisa la stessa agenzia – Walgreens e Rite Aid potrebbero difendere la tesi secondo cui non competono solo con le catene tradizionali di farmacie ma anche con negozi di generi alimentari e altri punti vendita in cui si possono acquistare farmaci e altri prodotti.
“Grazie all’acquisizione di Rite Aid, il nostro gruppo beneficerà di un network ancora più efficiente e presente sul territorio. Inoltre, avremo l’opportunità di accrescere ulteriormente la nostra offerta e soluzioni per la salute e per il benessere dei pazienti” spiega Ornella Barra, executive vice president del colosso mondiale della distribuzione. “Al completamento dell’accordo, Rite Aid diventerà una consociata interamente controllata di Walgreens Boots Alliance che inizialmente continuerà ad operare sotto il proprio marchio. Il risultato della combinazione di Walgreens Boots Alliance e Rite Aid darà origine ad una più ampia offerta di farmacie di alta qualità per i consumatori americani, a fronte di una crescente evoluzione e personalizzazione del settore della salute.”
Questa acquisizione” continua Barra “è una ulteriore conferma del nostro impegno volto a rendere l’assistenza sanitaria maggiormente accessibile, a più clienti e pazienti, in tutto il mondo. “
La manager annuncia anche che nel corso del  prossimo seminario dell’ European Pharmacists Forum (il progetto promosso e sostenuto da WBA per occasioni di incontro per i farmacisti allo scopo di confrontarsi, con un approccio europeo e orizzontale, ai temi centrali della professione farmaceutica e delle farmacie), che si terrà prossimamente a Monaco, ci sarà modo di “discutere in modo più approfondito lo stato di avanzamento di questa acquisizione.”

Print Friendly, PDF & Email
Condividi