Francia, scandalo Mediator: sancita la responsabilità civile dell’azienda

Francia, scandalo Mediator: sancita la responsabilità civile dell’azienda

Roma, 23 ottobre – La giustizia francese ha riconosciuto per la prima volta la responsabilità civile dei Laboratori Servier nello scandalo del Mediator, il farmaco antifame accusato di aver provocato la morte di 2.100 persone.
secondo quanto riferisce una nota Ansa, il tribunale di Nanterre, alle porte di Parigi, ha riconosciuto in modo del tutto inedito, a otto anni dalle prime rivelazioni sullo scandalo Mediator, la responsabilità civile dei laboratori Servier per aver lasciato sul mercato un farmaco “difettoso”, di cui non potevano non “ignorare i rischi”.
I giudici sono stati chiamati a pronunciarsi dopo le richieste di indennizzo di due pazienti di 72 e 67 anni a cui il farmaco venne prescritto rispettivamente nel 2003 e nel 2006. All’epoca, osservano i giudici, “lo stato delle conoscenze scientifiche non permetteva di ignorare i rischi di ipertensione arteriosa polmonare e le valvulopatie indotte dal benfluorex”. E ancora: “Il solo sospetto di questi rischi” avrebbe dovuto obbligare i laboratori a “informarne i pazienti e i medici“, in particolare, nelle avvertenze del farmaco.
Utilizzato da cinque milioni di persone soltanto in Francia, Mediator venne ritirato dal mercato nel 2009. Secondo una perizia giudiziaria, è all’origine di gravi lesioni alle valvole cardiache e ha portato nel lungo termine a 2.100 decessi e oltre 4.000 ricoveri in ospedale.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Facebook
LinkedIn