banner
lunedì 15 Luglio 2024
banner

Roma, incontro tra i rappresentanti di Ordine e Sapienza sul tirocinio pratico valutativo

banner

Roma, 21 maggio – Nel quadro della continua interlocuzione tra università e professione, assolutamente vitale per mantenere alto il livello di attenzione sulle necessità formative e di aggiornamento del professionista farmacista,  si è tenuta ieri nella sede dell’Ordine di Roma un  incontro sul tema del nuovo tirocinio pratico valutativo.

Il presidente dell’Ordine Emilio Croce, il segretario Rossella Fioravanti e il consigliere Paolo Gaoni hanno avuto modo di confrontarsi sull’argomento con le professoresse  Daniela Secci, direttore del Dipartimento di Chimica e Tecnologie del Farmaco, Mariangela Biava, vicepreside della Facoltà di Farmacia e Medicina,  Maria Carafa, presidente del Corso di Laurea in Farmacia e il prof. Giuseppe La Regina, presidente del Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia farmaceutiche, nell’ambito del protocollo di intesa stipulato tra l’Ordine e la Sapienza. L’incontro si inserisce infatti nelle linee guida del nuovo piano di Studi del Corso di Laurea in Farmacia, approvato con il decreto interministeriale n. 651 del 5 luglio 2022, e ovviamente considera le modifiche introdotte al tirocinio universitario.

Il Tirocinio pratico valutativo (Tpv) è un percorso formativo a carattere professionalizzante per l’acquisizione delle competenze necessarie per lo svolgimento in farmacia delle attività del farmacista nell’ambito del Servizio sanitario nazionale e consiste in attività pratiche contestualizzate e supervisionate, che prevedono l’osservazione diretta e l’esecuzione di attività finalizzate a un apprendimento situato e allo sviluppo delle competenze e delle abilità procedurali e relazionali fondamentali per l’esercizio dell’attività professionale.

Durante l’incontro, i rappresentanti di Università e Ordine hanno discusso alcuni aspetti del Tpv, considerandoli anche alla luce delle attuali problematiche del contesto professionale in cui si andranno a inserire i futuri farmacisti, con particolare attenzione all’attuale carenza di questa figura professionale nel mondo del lavoro.

È emersa la concorde e condivisa valutazione di tutti i convenuti sull’importanza del Tpv   nell’ambito del percorso relativo alla laurea abilitante e, per conseguenza, è stato assunto l’impegno a una sempre più stretta collaborazione fra Accademia e mondo della professione, così da mettere a punto percorsi per il Tpv tali da  consentire ai laureandi di completare la formazione universitaria, acquisendo le competenze necessarie a chi si affaccia al mondo del lavoro e fornendo gli strumenti necessari per l’erogazione di attività professionali adeguate alla domanda di salute dei cittadini.

Print Friendly, PDF & Email

banner
Articoli correlati

i più recenti

I più letti degli ultimi 7 giorni